La Sicilia blocca il progetto Ib Vogt Italia da 228 milioni. ( Dal Sole 24 ore )

Ottobre 13, 2021 129

La Sicilia ferma un maxi parco solare per i ciottoli del paleolitico inferiore .Il no della Sovrintendenza di Enna blocca il progetto Ib Vogt Italia da 228 milioni .La contrapposizione tra due ambientalismi: conservare il clima o l’identità dei luoghi. Jacopo Giliberto

 

Centuripe, antichissima e nobile città della Sicilia centrale in provincia di Enna al confine con il Catanese. Il no della Sovrintendenza per i beni culturali di Enna ha bloccato il progetto di una centrale fotovoltaica da 228,7 milioni Iva compresa, 384,1 megawatt di potenza solare, proposta da una società tedesca tramite la filiale bolzanina Ib Vogt Italia. Il motivo del no: nelle vicinanze «sono stati rinvenuti in superficie diversi ciottoli attribuibili alle facies clactoniane del Paleolitico Inferiore (circa 300mila anni da oggi)». Quattro pagine piene «aree con estesi frammenti ceramici» non lontano, «ricco macro-contesto archeologico» nelle vicinanze.

È ovvio: i ciottoli delle facies clactoniane e le altre opposizioni vagamente archeologiche coprono un motivo assai più consistente per opporsi al progetto, ma è un motivo che non ha alcun valore tecnico per una contestazione nel merito. Il motivo vero dell’opposizione alla centrale solare è che la valle del fiume Dittaino verrebbe laccata per 40 anni con una crosta nera e lucida di 711.360 moduli fotovoltaici di silicio, circa 496 ettari di pannelli solari. Insomma, sarebbe una trasformazione fortissima per il paesaggio della Sicilia centrale e per l’identità delle sue comunità.

Si ripresenta ancora una volta il contrasto fra i due ambientalismi, entrambi di pari dignità. Uno vuole conservare il clima, e promuove la transizione energetica verso la produzione senza emissioni di anidride carbonica, e l’altro ambientalismo vuole conservare il paesaggio e l’integrità dei luoghi, cioè l’identità e la percezione delle persone. In genere le due anime convivono, ma a volte si contrappongono con una contraddizione insormontabile.

Il piano energia e clima

Per raggiungere gli obiettivi ambientali e di tutela del clima, nel gennaio 2020 l’Italia si era data il Pniec, il piano integrato energia e clima, che prevede di costruire entro il 2030 impianti da fonti rinnovabili per circa 70mila megawatt, 7-8mila megawatt l’anno. Il sole è il nostro petrolio.

Nel frattempo gli obiettivi climatici europei sono diventati più ambiziosi e il piano va rivisto. Vi si dovrà aggiungere un burden sharing, cioè vanno suddivisi fra le regioni gli investimenti rinnovabili e le opportunità di crescita nell’energia pulita.

Ma nei fatti, ha protestato Agostino Re Rebaudengo presidente dell’associazione confindustriale Elettricità Futura, in Italia non si riesce a costruire nemmeno un decimo di quanto annunciato dal Pniec: non si piantano pannelli solari né ventole eoliche per più di 7-800 megawatt l’anno.

Secondo l’osservatorio dell’Anie Rinnovabili (associazione della federazione confindustriale Anie), sulla base dei dati Gaudì di Terna nel primo semestre di quest’anno sono stati costruiti impianti rinnovabili per 452 megawatt (+34% rispetto allo stesso periodo del 2020), di cui 362 megawatt fotovoltaici (+40%), 74 eolici e 16 megawatt idroelettrici. Nella sola primavera le nuove installazioni sono 272 megawatt.

«Quello delle autorizzazioni è e rimane la principale causa del mancato sviluppo delle fonti rinnovabili», dice l’Anie Rinnovabili.

Il progetto di Centuripe

Nel dicembre scorso la società tedesca aveva presentato alla Regione Sicilia ettometri di documenti (130 titoli protocollati) per l’autorizzazione al progetto colossale che da solo, con i 384 megawatt di potenza, è pari a tutte le centrali solari istallate in Italia dal 1° gennaio a 30 giugno. 

La centrale divisa in diversi lotti si distribuirebbe su una ventina di chilometri quadrati lungo la valle del fiume Dittaino e non è l’unico progetto: la società tedesca ha presentato progetti di ingombro simile in altre zone della Sicilia centrale.

Nota non marginale. Ieri a Gubbio i 150 soci consumatori elettrici della cooperativa «è nostra» hanno inaugurato la loro centrale eolica, un’elica da 900 chilowatt, il più grande impianto collettivo d’Italia.


Warning: count(): Parameter must be an array or an object that implements Countable in /web/htdocs/www.regalbutopress.it/home/templates/ts_newslinen/html/com_k2/templates/default/item.php on line 314
Ultima modifica il Mercoledì, 13 Ottobre 2021 13:27
Image
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale , ai sensi della legge n° 62 del 7/3/2001.