E' già tutto pronto per accogliere la folla di turisti che il prossimo 25  Aprile vorranno trascorrere la festa sulle rive del Lago Pozzillo. Pronti ad essere accolti dall'attenta organizzazione della Pro Loco di Regalbuto , tra sole , relax ,  colori , musica , gastronomia, parco avventura e gli immancabili tour in Quad e in bici . Il Piano Arena e soprattutto lo specchio d'acqua del Pozzillo , ma diremmo  l'intero paesaggio che oggi mostra il Pozzillo è tra i più belli che si possono ammirare in questa stagione. Per l'occasione la macchina dell'organizzazione si è messa da tempo in moto per far trascorrere ai tanti , una bella giornata di relax, divertimento, sport e musica . 

Sua Eccellenza Monsignor Giuseppe Schillaci è nato nel 1958 ad Adrano, provincia e Arcidiocesi di Catania. Dopo la maturità tecnica e gli studi universitari di filosofia alla statale di Catania, inizia il percorso formativo nel Pontificio Seminario Francese a Roma, che lo porterà all’ordinazione sacerdotale, ricevuta nel 1987, è laureato in Filosofia. Viceparroco e Parroco nelle parrocchie di Adrano, poi ha esercitato il ministero nel Seminario Arcivescovile, nel quale per undici anni è stato Rettore.
• Dal 1988-1992: Viceparroco e Parroco ad Adrano
• 1994-1998: Vicerettore in Seminario
• 1999-2006 Vicario Episcopale per la cultura
• 1999-2007: Vice Preside dello Studio Teologico
• Dal 2006: Cappellano di Sua Santità
• Dal 2008: Rettore del Seminario Arcivescovile
• II 3 maggio 2019 è stato nominato da Papa Francesco Vescovo della Diocesi
di Lamezia Terme.
• Il 6 luglio 2019 è stato ordinato Vescovo della Diocesi di Lamezia Terme e
ha preso possesso della sede nicastrese.

Il Partito democratico perde qualcosa (0,2%) nel gradimento degli italiani rispetto a due settimane fa e lascia lo scettro di primo partito italiano a Fratelli d’Italia, invece stabile rispetto all’ultima rilevazione dell’8 aprile. È quanto emerge dal sondaggio Dire-Tecnè realizzato il 22 aprile su un campione di mille persone. Il partito guidato da Giorgia Meloni resta dunque primo italiano in solitaria col 21,9%, cala il Pd che scende al 21,7%. Piccola flessione anche per la Lega (-0,2%), ora terzo partito al 15,6%. Quindi il Movimento 5 Stelle al 12,6% (-0,1%). Stabile Forza Italia al 10,8%. Seguono Azione/+Europa al 4,5% (+0,1%), Italia Viva al 2,3% (-0,1%), Europa Verde stabile al 2,2%, Sinistra Italiana al 2,1% (+0,2%), Italexit con Paragone 1,9% (+0,1), altri 4,4% (+0,2%).La coalizione di centrodestra perde consenso tra gli italiani. Fratelli d’Italia, Lega, Forza Italia, Noi con l’Italia e Coraggio Italia oggi metterebbero insieme il 49,7% dei voti, lo 0,3% in meno rispetto all’ultima rilevazione dell’8 aprile. È quanto emerge dal sondaggio Dire-Tecnè realizzato il 22 aprile su un campione di mille persone. Il centrodestra rimane comunque in vantaggio rispetto alla coalizione di centrosinistra. Pd, M5S, Articolo 1 ed Europa Verde mettono insieme infatti il 38,3% delle preferenze, -0,1% rispetto a due settimane fa.

 fonte Agenzia DIRE

Secondo quanto riportato dall'Agenzia DIRE , l ’Europa ha vissuto nel 2021 la sua estate più calda mai rilevata, accompagnata da gravi inondazioni nell’Europa occidentale e da condizioni di siccità nel Mediterraneo. E’ quanto emerge dal Rapporto sullo stato del clima in Europa 2021 pubblicato dal Copernicus Climate Change Service (C3S), servizio implementato dal Centro Europeo per le previsioni a medio termine (European Centre for Medium-Range Weather Forecasts- ECWMF) per conto della Commissione europea.

A livello globale gli ultimi sette anni sono stati i più caldi mai registrati, con il 2021 che si è posizionato per frequenza ravvicinata tra il quinto e il settimo posto. Le concentrazioni di gas serra di anidride carbonica (CO2), e in particolare metano (CH4), hanno continuato ad aumentare nel 2021, rispettivamente di circa 2,3 ppm e 16,5 ppb. L’Europa ha registrato la sua estate più calda con 1,0°C al di sopra della media 1991-2020. Le precipitazioni record hanno contribuito a gravi inondazioni nell’Europa occidentale.

Le temperature annuali della superficie del mare (SST) in vaste aree del Mar Baltico e del Mar Mediterraneo orientale sono state le più alte almeno dal 1993. A giugno e luglio, le SST in alcune parti del Baltico erano superiori di oltre 5°C alla media. La regione del Mediterraneo ha vissuto un’ondata di caldo intensa e prolungata in luglio-agosto, mentre i record di temperatura sono stati battuti in Italia e Spagna. Il primo rappresenta un record di temperatura massima giornaliera provvisoria per l’Europa. Diversi paesi, tra cui Turchia, Grecia e Italia, hanno assistito a intensi incendi.

Basse velocità del vento sono state rilevate nell’Europa occidentale. Alcuni paesi hanno visto alcune delle velocità del vento annuali più basse almeno dal 1979. Velocità del vento inferiori alla media hanno portato a una riduzione del potenziale di produzione di energia eolica in alcuni paesi dell’Europa occidentale.

Frequenti anche le inondazioni nell’Europa occidentale: precipitazioni record il 14 luglio 2021 in Belgio e Germania occidentale, record di portata fluviale in alcune parti dei bacini idrografici della Mosa e del Reno, precipitazioni da record e suoli saturi hanno contribuito all’eccezionale evento alluvionale.
Risultati chiave per l’Artico: le emissioni di carbonio degli incendi nell’Artico sono state le 4 più alte dall’inizio dei record nel 2003, principalmente dalla Siberia orientale. Il minimo di ghiaccio marino ha raggiunto la sua dodicesima estensione più bassa da quando sono iniziate le registrazioni satellitari nel 1979. Il Mare di Groenlandia ha registrato la sua estensione minima di ghiaccio marino più bassa mai registrata.

Agenzia DIRE  www.dire.it

(ITALPRESS) – E’ stato presentato a Palermo il docufilm “Ora tocca a noi – Storia di Pio La Torre”, a quarant’anni dal suo assassinio. Il documentario è prodotto da Minerva Pictures, Rai Documentari e Luce Cinecittà, con la regia di Walter Veltroni. “La memoria per me è un’ossessione – ha detto Veltroni -. A me stava molto simpatico Pio. Aveva senso dell’umorismo, avevamo un bel rapporto”. Il docufilm che verrà girato tra Palermo e Roma verrà visto anche nelle scuole: “Sono fiducioso, cerchiamo di trasferire un’emozione. Usando nel racconto di Pio la stessa emozione che ha attraversato la sua vita riusciremo sicuramente ad emozionare chi lo vedrà. Chi mi piacerebbe raccontare? Don Milani è una storia particolarmente bella, carica di una specie di febbre, febbre del desiderio di essere utili agli altri”. Il docufilm, che andrà in onda su Rai Tre, restituisce per la prima volta la storia di un’esistenza esemplare interamente dedicata all’impegno civile. Un doveroso tributo a un uomo che ha intrecciato la sua vita con quella della sua terra con una determinazione che non è mai venuta meno, neanche quando, ormai, sentiva che sarebbe stato il prossimo.
“Ora tocca a noi” allungare la scia di sangue che macchia Palermo, diceva La Torre all’amico Emanuele Macaluso, storico dirigente del PCI. Un destino tragico, che lo ha reso uno dei tanti eroi di cui, purtroppo, questo Paese ha avuto bisogno. Una storia che ne contiene molte altre: quella delle lotte sociali per i diritti dei braccianti, della mafia e delle battaglie per sconfiggerla, di lotte per la pace a Comiso. Ricostruzioni, materiale d’archivio e interviste originali costruiscono un racconto unico e compatto, con lo stile e la forte carica emozionale del cinema civile. Il racconto parte proprio dall’annuncio del brutale omicidio di Pio La Torre alternando, nel linguaggio del documentario, il ricco materiale d’archivio, testimonianze, riprese nei luoghi della storia e nuove interviste. Tra queste, le parole del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, del regista Giuseppe Tornatore e, naturalmente, del figlio di Pio, Franco La Torre.

Qualificati alla fase finale del secondo Europeo Under 19, gli Azzurrini di Max Bellarte, dopo aver svolto il raduno a Novarello Villaggio Azzurro a inizio mese, si ritroveranno a maggio per una doppia amichevole contro i Campioni d'Europa in carica della Spagna. Già certe di un posto nelle otto che si contenderanno lo scettro continentale, in virtù della vittoria della prima edizione dell'Europeo di categoria, le Furie Rosse restano la principale candidata alla conferma del titolo: questo sottolinea la difficoltà di un impegno che sarà però altamente performante, proprio in vista della Final Eight che si svolgerà a settembre in casa degli spagnoli (a Jaén dal 4 al 10 settembre). Alla Olivo Arena di Jaén ci sarà anche l'Italia, qualificata dopo aver superato da prima della classe il girone che comprendeva Turchia, Montenegro e Paesi Bassi. Le due amichevoli in terra iberica si giocheranno a Palma di Maiorca, per la precisione a Calvià il 17 maggio al Pabellon Galatzo, e a Inca il 18 maggio al Palacio Municipal de Deportes.

Forse Mai come in questa tornata elettorale per il rinnovo dell'Amministrazione Comunale di Regalbuto, sia stato lungo il cosidetto "travaglio" per definire le allenaze. Fino all'ultimo si sono susseguite le "consultazioni" , le riunioni , la scelta degli uomini e donne che dovranno rappresentare le liste. Noi che abbiamo seguito le vicende che hanno caratterizzato le scorse settimane possiamo lecitamente affermare che il travaglio maggiore forse lo hanno avuto il PD , diviso se appoggiare Angelo Longo o Barbara Furia e il Movimento Regalbuto Riparte , il quale alla fine ha deciso di presentarsi da solo con il Geom Gianni Meli .  Non tutto però è ancora definito , se si esclude però il fatto che i candidati a  di primo cittadino  sono già chiari e definiti. Tre : la dott.ssa Barbara Furia , l'Ing. Angelo Longo e il Geom Gianni Meli. ( nella foto). Tre dunque saranno le liste dei candidati al consiglio comunale che entro il 18 Maggio dovranno essere presentate per concorrere ai 12 seggi nell'aula consiliare del Municipio di Regalbuto.

Inaugurata a Regalbuto, presso la cittadella dello sport di Piano Arena, la “Baby Little Home”. Alla presenza del vice sindaco Concetta Giaggeri (nella foto) è stata inaugurata questa moderna struttura nell’area del Lago Pozzillo, al fine di rendere il nostro territorio maggiormente attrattivo per le famiglie residenti ed ospiti, riportando anche nel nostro territorio le buone pratiche delle politiche familiari diffuse nel Trentino. La Baby Little Home è uno spazio che nasce per far sentire accolti le mamme e i papà la prova concreta dell'attenzione al benessere familiare che è stata rivolta in questi anni e che si vuole continuare a rivolgere alle nostre famiglie. Una confortevole e allegra casetta realizzata in legno naturale. All'interno, tutto quanto serve per consentire alle mamme e papà di accudire i propri bambini: fasciatoio, scalda biberon, una comoda poltrona per la mamma, giochi per i bambini, oltre al parcheggio protetto per i passeggini.
“L'attenzione alla famiglia si vede anche dalle piccole cose, - afferma il Vicesindaco con delega alle Politiche Familiari Concetta Giaggeri - la Baby Little Home è una testimonianza concreta di quanto Regalbuto sia dentro al circuito dei “Comuni Amici delle Famiglie”, e di quanto sia sempre più determinata a proseguire sulla strada avviata, moltiplicando le iniziative a favore delle famiglie”.
Il Comune di Regalbuto continua, dunque, a sostenere le politiche per il benessere familiare e pone in essere al centro delle proprie politiche la famiglia, vero motore di crescita economica e sociale del territorio. Tante volte si adottano soluzioni di fortuna per cambiare o allattare il proprio bambino quando i genitori si trovano a frequentare parchi pubblici o luoghi turistici spesso privi di servizi a misura di famiglia. Da questa esigenza è nata l’idea di realizzare la Baby Little Home a ridosso dell’invaso del Pozzillo in un area sportiva e turistica che ogni anno accoglie migliaia di visitatori in periodi diversi dell’anno.

L’assessore regionale alle Autonomie locali, Marco Zambuto, ha firmato stamane il decreto di indizione dei comizi per le elezioni amministrative che si terranno in Sicilia domenica 12 giugno, così come deciso qualche giorno fa dal governo Musumeci. A essere interessati dalle consultazioni elettorali sono 120 Comuni, 107 con il sistema maggioritario (fino a 15 mila abitanti) e 13 con quello proporzionale (nei quali l’eventuale ballottaggio si terrà il 26 giugno). I consiglieri comunali da eleggere sono 1.520 e le sezioni elettorali che saranno costituite sono 1.747. La popolazione coinvolta è di 1.710.451 abitanti, di cui 900.823 anche per le elezioni dei presidenti di circoscrizione e dei Consigli circoscrizionali (657.561 a Palermo e 243.262 a Messina). Nella sola città di Messina si voterà anche per il referendum sull'istituzione del nuovo Comune "Montemare", formato da dodici villaggi della fascia collinare e costiera tirrenica del capoluogo.
 
Le urne saranno aperte solamente domenica, dalle 7 alle 23. L'elettore - sia per il Consiglio comunale che per quello circoscrizionale - può esprimere una o due preferenze della stessa lista, ma di genere diverso: una femminile e una maschile. Il voto espresso per una lista si estende al candidato sindaco a essa collegato e non viceversa: il cosiddetto “effetto trascinamento”. Prevista anche la possibilità del “voto disgiunto”, che rende libero l'elettore di votare separatamente per un candidato sindaco e per una lista a questo non collegata. Le liste dei candidati a sindaco, al Consiglio comunale, a presidente di circoscrizione e al Consiglio circoscrizionale vanno presentate da venerdì 13 a mercoledì 18 maggio (alle ore 12).
 
Durante le operazioni di voto, sul sito istituzionale della Regione, saranno pubblicate tre rilevazioni (alle 12.30, 19.30 e 23.30) sull'affluenza degli elettori alle urne, con il raffronto dei dati rispetto alle ultime elezioni amministrative dei Comuni interessati.
 
Lo scrutinio avrà inizio dopo il completamento delle operazioni di spoglio delle schede relative ai cinque referendum sulla giustizia, che si terranno nello stesso giorno. I dati provvisori, man mano che verranno trasmessi dalle prefetture territorialmente competenti al dipartimento regionale delle Autonomie locali, saranno immessi sul sistema Idec (realizzato con la collaborazione dell'assessorato dell'Economia e della società Sicilia digitale), elaborati dal programma e pubblicati in tempo reale.
“La giuria ci aveva odiati fin dal primo momento perché eravamo contro la guerra. La giuria non si rendeva conto che c’è della differenza tra un uomo che è contro la guerra perché ritiene che la guerra sia ingiusta, perché non odia alcun popolo, perché è cosmopolita, e un uomo invece che è contro la guerra perché è in favore dei nemici. Noi non siamo uomini di questo genere. Noi crediamo che la guerra sia ingiusta e ne siamo sempre più convinti”.
Queste le parole di Bartolomeo Vanzetti il 9 aprile 1927, quando il giudice Webster Thayer pronunciò la condanna a morte per lui e per Nicola Sacco.
Innocenti, capri espiatori di una giustizia ingiusta e di un clima di intolleranza nei confronti degli stranieri.
Innocenti.
La farfalla della gentilezza
(La citazione è tratta dal libro di Alberto Gedda: Gridatelo dai tetti: Autobiografia e lettere di Bartolomeo Vanzetti (LE MEMORIE), FUSTA EDITORE, 1977 - terza edizione 2017)
Image
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale , ai sensi della legge n° 62 del 7/3/2001.