La legalità: un valore quotidiano. Convegno all’Istituto Citelli.

Aprile 06, 2024 198

Un interessante e importante incontro ha coinvolto venerdì 05/04/2024 tutti gli alunni delle classi del triennio dell’Istituto S.Citelli di Regalbuto che hanno avuto modo di conoscere meglio il grave problema delle estorsioni legate alla criminalità organizzata. Il convegno dal titolo “La legalità: un valore quotidiano”, coordinato dal Presidente del Fai Vittorio Calabrese, ha visto presente il Dirigente Scolastico, Serafino Lo Cascio, che ha introdotto la tematica illustrando gli obiettivi dell’incontro introducendo i principali temi dell’iniziativa in termini di responsabilità sociale e collettiva nelle azioni di contrasto ed emarginazione delle ingerenze criminali nell’economia e nella societàa partire proprio dalle piccole azioniquotidiane. L’incontro è poi proseguito con gli interventi del Maresciallo dei Carabinieri, dottor Alberto La Delfa, dell’amministratore SOAPLAST srl, Vincenzo Spampinato, del sindaco di Regalbuto, ing. Angelo Vittorio Longo e dell’arciprete di Regalbuto, Don Alessandro Magno.A valle delle relazioni e degli interventi svolti nella mattinata di lavori è seguito unpartecipato dibattito animato dai numerosi studenti intervenuti.

L’incontro ha inteso contribuire concretamente alla sensibilizzazione della comunità studentesca su un tema che continua ad insistere negativamente nel nostro Paese come quello del racket e delle ingerenze della criminalità organizzata nell’economia. L’intera comunità scolastica ha avuto l’opportunità di approfondire tali fenomeni attingendo alla voce diretta di chi fa impresa nella legalità contrastando concretamente le ingerenze mafiose nell’attività di impresa.

Già da qualche anno l’Istituto “S.Citelli” ha avviato percorsi curriculari sperimentali ed innovativi che prevedono moduli sul tema della legalità, tenuti da esperti facenti parte delle istituzioni deputate alla legalità e forze dell’ordine che intendono supportare precipui percorsi di formazione dei giovani. Anche in questa prospettiva, il contributo offerto dal rappresentante del FAI e dagli altri intervenuti è stato particolarmente apprezzato dagli studenti che hanno immediatamente percepito lo spessore di figure che concretamentefanno da argine alle ingerenze criminali nell’economia e nell’attività di impresa sul nostro territorio in sinergia con le istituzioni.

L’Arciprete Don Alessandro Magno ha poi ribadito che devono essere soprattutto le giovani generazioni il patrimonio su cui investire in termini di valori etici, di consapevolezza e di cittadinanza attiva per il miglioramento del clima sociale e delle opportunità di sviluppo del nostro territorio. La scuola deve essere sempre più luogo di educazione alla libertà, nelle regole, per l’abbattimento di barriere sociali, prevaricazioni, prepotenze a tutela degli studenti soprattutto più fragili. L’attenzione mostratadagli alunni fa ben sperare per una società migliore e più libera.

Image
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale , ai sensi della legge n° 62 del 7/3/2001.