3. I Cognomi di Regalbuto, Catenanuova, Centuripe - a cura del prof. Francesco Miranda In evidenza

Febbraio 25, 2013 3557

Continua la'ppuntamento settimanale con i " cognomi di Regalbuto,Catenanuova e Centuripe". I cognomi di STANCANELLI, D'AGOSTINO E MONACO .

STANCANELLI

Cognome diffuso in 95 comuni, prevalentemente siciliani; con piccoli nuclei è presente anche nelle regioni Lombardia, Lazio, Veneto, Liguria, Piemonte, Friuli, Toscana, Marche, Emilia Romagna, Abruzzo, Campania, Trentino, ecc. In Sicilia è diffuso nelle province di Catania, Enna (Regalbuto, Centuripe, Catenanuova, Agira, Gagliano, Enna, Troina), Palermo, Messina, Siracusa.

Il cognome è un alterato del dialettale “stanguni” con il significato di stangone, spilungone, persona troppo alta e non adeguatamente robusta; soprannome attribuito a capostipiti probabilmente aventi tali caratteristiche(Ciccia). Potrebbe essere anche un alterato di stanco, da cui stancarelli – stancanelli

Tracce storiche e personaggi - Stancanelli cav. Vito – fu sindaco del Comune di Regalbuto dal febbraio 1866 agli inizi del 1879. Raffaele Stancanelli (Regalbuto 30/6/1950) – avvocato cassazionista, consigliere comunale del M.S.I. a Regalbuto dal 1978 al 1983 e a Catania dal 1985 al 1992. Deputato regionale all'A.R.S. dal 1996 al 2008, nell'aprile dello stesso anno venne eletto senatore della Repubblica e nel giugno 2008 sindaco di Catania; ha lasciato il senato optando per la carica di sindaco della città etnea.

 

D’AGOSTINO

Cognome molto diffuso in Italia, è presente in 1377 comuni di tutte le regioni italiane, in particolare Campania, Sicilia, Calabria, Lazio, Abruzzo, Puglia, Lombardia, Piemonte, Toscana, Emilia Romagna. In Sicilia è presente in tutte le province, soprattutto Palermo, Messina, Catania, Agrigento, Enna ( comuni di Agira, Regalbuto, Catenanuova, Leonforte, Assoro, Enna, Gagliano, Troina.

 

 

E’ un cognome patronimico, vale per “figlio di Agostino”; deriva da ipocoristici del nome latino Augustus o da soprannome attribuito al capostipite “nato in agosto”.

Tracce storiche e personaggi - Tracce di questa cognomizzazione si trovano in Giovinazzo (BA) in un atto del 1500 dove si cita un certo mastro Giuseppe D’Agostino di Nola. Roberto D’Agostino(7/7/1948) – giornalista e personaggio televisivo; attualmente è titolare del portale Dagospia, sito di pettegolezzi e scoop molto seguito per le sue anticipazioni sullo scenario politico italiano. Francesco D’Agostino(Roma 1946)- giurista italiano; uno degli intellettuali di riferimento del movimento “teocon”(movimento cattolico conservatore); è editorialista del quotidiano “Avvenire”. Gaetano D’Agostino (Regalbuto 9/7/1939 - 24/7/2008)– bancario , sindaco del comune di Regalbuto dal gennaio 1979 al mese di agosto 1983. Angelo D'Agostino (Regalbuto 21/11/1907 – 5/3/1978) – Laureato in lettere, docente; eletto nella circoscrizione di Catania, fu deputato del P.C.I. nella I Legislatura dall'8/5/1948 al 24/6/1943.

 

MONACO

Cognome assolutamente panitaliano, anche se è più diffuso nel centro sud. E' presente in 1252 comuni italiani sparsi in tutta la penisola: nell'ordine, in Campania, Sicilia, Puglia, Lazio, Lombardia, Abruzzo, Piemonte, Calabria, Toscana, Emilia, Basilicata, Veneto, ecc.

In Sicilia è presente in tutte le province con punte più elevate in quelle di Catania (37 comuni, fra cui Catania, Acireale, Misterbianco), Siracusa(15 comuni, fra cui Palazzolo Acreide, Carlentini, Siracusa), Trapani(14 comuni, fra cui Trapani, Erice, Mazara del Vallo), Messina(11 comuni, fra cui Messina, Pettineo, Taormina), Palermo(10 comuni,fra cui Palermo, Montelepre, Trabia). Nell'ennese è noto nei comuni di Enna, Valguarnera, Agira, Regalbuto, Nicosia, Sperlinga, Nissoria, Assoro, Calascibetta, Aidone.

Questa cognomizzazione è anteriore al XIV secolo e dovrebbe derivare da soprannome di un capostipite, legato al fatto di abitare vicino ad un monastero o di lavorare alle dipendenze di monaci; il termine origina dal tardo latino eccl. “monachus”, greco “monǎkhόs (μονακός), da “mònos”(μόνος) = unico, solitario.

Tracce storiche e personaggi – Monaco è una famiglia siciliana oriunda dalla Francia, di antica tradizione, propagatasi nel corso dei secoli in diverse regioni italiane. Monaco a Siracusa è anche il trabiccolo che si usava per tenere lo scaldino nel letto; a Catania è una piccola lucerna ad olio che si lasciava accesa durante la notte; ad Agrigento una spranghetta di legno che chiudeva porte e finestre; ad Enna monaco era detta la trave principale del tetto a due spioventi. - Giusto Monaco di Siracusa, cattedratico di filologia classica e presidente dell'Istituto Nazionale del Dramma Antico di Siracusa. Giuseppe (Pippo) Monaco (Regalbuto 15/5/1948), medico chirurgo, primario presso l'Ospedale Umberto I di Enna e presidente della Provincia Regionale di Enna dal 17/6/2008 al 2013.

 

 

Ultima modifica il Martedì, 04 Giugno 2013 07:45