Regalbuto non e' una metafora.

Aprile 02, 2013 1570

Sempre di più sono coloro che a Regalbuto apprezzano i vantaggi di veder chiuso l'accesso alle auto e moto nella zona del Piano Arena e Timpone medico sulle rive del lago Pozzillo. Crescono coloro che amando la natura e il silenzio che si respira si inoltrano tra gli alberi di eucalipto per farsi il tipico " giro dell'isolotto" senza il rumore delle moto da cross che negli anni , oltre alle auto, avevano compromesso l'abitat naturale di una delle zone lacustre siciliane più belle. Sono sempre di più gli svassi e gli aironi cenerini che pian piano si avvicinano e sostano lungo il lago tra i passanti che felici li fotografano come qualcosa mai visto, almeno in quella parte del lago che ricade nelle zone del piano Arena e Timpone medico , zone tra le più frequentate. Il Pozzillo è una risorsa e non solo in termini di risorsa d'acqua per l'irrigazione estiva, ma anche come promozione del territorio che può attarre flussi turistici solo se l'intera comunità progetta e realizza quelle azioni adatte ad attirare persone e soprattutto ad interessare un territorio , quello di Regalbuto, ricco di storia e arte.Storia e arte che da qualche tempo riescono a farsi ammirare grazie alla passione di un gruppo di " fotografi della domenica" i quali con un clic consentono a ognuno di noi di fermarsi a guardare ciò che ad occhio nudo o per distrazione o per incuria ci è sempre sfuggito di apprezzare e valorizzare. Il Lago Pozzillo può far parte a pieno titolo in un circuito turistico che appartiene al consorzio dei comuni della "Corona degli Erei" assieme a Centuripe,Ramacca,Castel di Iudica,Raddusa e Catenanuova nei quali la storia dei quartieri e le tradizioni possono rappresentare qualcosa di unico. L'intera città di Regalbuto può proporsi al visitatore grazie anche all'iniziativa di privati i quali hanno creato il primo museo storico degli argenti della Chiesa di San Basilio , restaurato la facciata di palazzo Falcone. Molto ancora si potrà fare.Talmente si è fatto poco nei secoli per la nostra bella città che oggi basta puntare sulla tutela e valorizzazione dei nostri beni per accrescere e incoraggiare l'iniziativa di quanti sono alla ricerca di una occupazione. La nuova segnaletica stradale cittadina è un punto di partenza ma non basta.E' necessario coinvolgere quanti hanno a cuore il territorio siano essi amministratori o semplici cittadini ognuno con le proprie peculiarità , lavorare ad un unico progetto senza barriere e pregiudizi o tabù che fino ad adesso hanno fatto in modo che ciò che è bello venisse nascosto a tutti per quella miope politica che ha sempre considerato i beni culturali una semplice materia di studio senza tener conto che la Sicilia è un museo a cielo aperto dalla costa fino al centro del proprio territorio, dove è possibile trovare tracce ancora visibili di una storia unica ancor prima della storia di Roma. Allora coraggio.Parliamone. Abbiamo la sfrontatezza di uscire fuori dai nostri limiti e affrontiamo con determinazione la nostra storia per farla conoscere, valorizzarla e tutelarla.Regalbuto non è una metafora.Regalbuto E'.

Ultima modifica il Martedì, 02 Aprile 2013 17:33
Image
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale , ai sensi della legge n° 62 del 7/3/2001.