I richiami di Mattarella.

Febbraio 24, 2024 192

Nel giro di appena 24 ore il Presidente della Repubblica è dovuto intervenire per richiamare tutti , in particolar modo i partiti, affinchè si abbassiano i toni violenti. "Si assiste a una intollerabile serie di manifestazioni di violenza: insulti, volgarità di linguaggio, interventi privi di contenuto ma colmi di aggressività verbale, perfino effigi bruciate o vilipese, più volte della stessa Presidente del Consiglio, alla quale va espressa piena solidarietà". Sergio Mattarella è preoccupato, e non da oggi, di quanto si stiano alzando i toni del confronto politico ed interviene con una inevitabile solidarietà a Giorgia Meloni .Al capo dello stato non è piaciuta neanche la manifestazione di Roma dove un manichino di cartone con le sembianze della premier è stato bruciato in piazza ed è comprensibile per un presidente che da anni si spende invitando le forze politiche al dialogo, al confronto ma mai allo scontro. Per questo il messaggio di Mattarella va oltre il contingente e vale in questa fase "urbi et orbi". Mattarella è intervenuto anche sui recenti fatti che hanno visto protagonisti gli studenti e le forze dell'ordine a Pisa e Firenze per la fine dei bombardamenti a Gaza durante i quali ci sono state cariche delle forze dell’ordine sui manifestanti. «Il Presidente della Repubblica - si legge in una nota - ha fatto presente al ministro dell’Interno Matteo Piantedosi , trovandone condivisione, che l’autorevolezza delle Forze dell’Ordine non si misura sui manganelli ma sulla capacità di assicurare sicurezza tutelando, al contempo, la libertà di manifestare pubblicamente opinioni. Con i ragazzi i manganelli esprimono un fallimento».  I richiami di Sergio Mattarella alla non violenza e al dialogo democratico forniscono il polso della attuale situazione per niente tranquilla di ciò che sta avvenendo sotto gli occhi di tutti , ma che non nasce da adesso , piuttosto è figlia di quel mancato senso del rispetto politico che va sul personale dai toni a volte talmente insopportabili. Sulle manifestazioni bisognerebbe soffermarsi su quale debba essere il limite tra il diritto di manifestare e il dovere di chi ha deciso di manifestare. Quando diritto e dovere entrano in contrasto si arriva immangabilmente alla collisione. L'esempio di Empoli è ciò sul quale bisogna puntare : Un corteo, non preavvisato, di studenti a sostegno della Palestina ha sfilato  per le vie del centro di Empoli . La manifestazione si è svolta senza episodi di violenza e problemi di ordine pubblico. Gli studenti hanno esposto alcuni striscioni con messaggi come 'Palestina libera' e 'Proteggeteci non picchiateci'. Ganhi affermava : "

la forza della verità e della “nonviolenza”.

 

Ultima modifica il Sabato, 24 Febbraio 2024 16:02
Image
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale , ai sensi della legge n° 62 del 7/3/2001.