Rissa tra genitori sugli spalti...Il commento. ( AgoVit)

Marzo 21, 2019 1493

Nel calcio è più evidente ma il fenomeno dei genitori che litigano e se non litigano hanno un atteggiamento poco sportivo sugli spalti mentre i loro figli giocano avviene in altri sport , specie dove c'è contatto fisico. Il troppo tifo di taluni si trasforma spesso in rabbia e a farne le spese sono a volte anche allenatori e dirigenti delle società sportive con intromissioni qualche volta al limite dell'educazione. Che dire poi su ciò che sono costretti a sentire gli arbitri..... Bene hanno  fatto I dirigenti in campo, tra cui l'ex portiere Giovanni Galli, responsabile del settore giovanile dell'Affrico e allenatore dei ragazzi del 2006, a chiedere l'interruzione della gara e la ripetizione a porte chiuse. Entrambe le società stanno pensando a incontri con educatori per i genitori irrequieti. Spesse volte a nulla valgono le richieste dei dirigenti delle società sportive volte a cercare di far comprendere che il ragazzo deve poter vivere la propria esperienza sportiva in maniera serena rispettando le regole sia con i compagni e la società sportiva sia verso gli avversari e arbitri. Ecco alcuni consigli : 1. Divertiti e sostieni la squadra e applaudi più forte che puoi ; 2.Lascia che tuo figlio viva il gruppo ; 3.La panchina non è una sconfitta ma il punto di partenza . Non discutere le scelte dell'allenatore, spiega a tuo figlio l'impegno in allenamento premia sempree che arriverà il suo momento; 4.La partita è la verifica di una settimana di allenamento impara a cogliere i miglioramenti della squadra e di tuo figlio e non pensare solo al risultato . Non imprta se ha vinto o perso , pensa solo che oggi si è divertito. 5. Abbi fiducia nella società sportiva e se non ti sta bene cambia società ma solo dopo aver chiesto cosa ne pensa tuo figlio.

AgoVit

Image
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale , ai sensi della legge n° 62 del 7/3/2001.