Come afferma l’on. Bernardette Grasso, sindaco di Capri Leone, il progetto “potrebbe essere riproducibile da tutti i Comuni siciliani, mediante la condivisione del know-how di Ospitalità Diffusa”

Capri Leone, [02/05/2024]: La maggior parte dei piccoli Comuni siciliani condivide un problema relativo al patrimonio edilizio in disuso o non funzionale all’interno del proprio territorio. L’incuria del tempo, la mancata manutenzione e dunque l’abbandono delle strutture, genera criticità legate alla sicurezza e responsabilità con le quali i Sindaci dei piccoli Centri siciliani devono convivere quotidianamente. Dai Nebrodi, il sindaco di Capri Leone, l’on. Bernardette Grasso, insieme a una rete di altri nove Enti locali che fanno parte del progetto di Ospitalità Diffusa, si sono posti il problema, trovando anche la soluzione: Nebrodi Real Estate, ovvero la prima iniziativa pubblica a livello europeo di marketing territoriale, finalizzata alla valorizzazione e promozione del patrimonio edilizio-abitativo all’interno di uno specifico comprensorio, ma esportabile in tutto il perimetro regionale.

“Dal 3 al 5 Maggio prossimo, parteciperò in qualità di Sindaco del Comune capofila del progetto di Ospitalità diffusa, con un nostro stand, all’evento A Place in the Sun, la più importante Fiera europea dedicata alla valorizzazione del patrimonio immobiliare dei luoghi e territori ubicati in zone soleggiate e dal clima mite. Il mercato d’interesse è molto vasto e punta dritto verso l’area anglosassone e più in generale verso il Centro-Nord europeo – afferma l’on. Bernardette Grasso. In Inghilterra potremo toccare con mano la domanda estera che c’è intorno al nostro patrimonio immobiliare, il quale sarà analizzato e valutato da esperti internazionali. Lo scopo è di inserirlo all’interno di un meccanismo di compravendita per la successiva valorizzazione in chiave socio-economica. Come faremo? Mediante l’implementazione di una piattaforma di investimento globale sul patrimonio immobiliare, che faccia finalmente incontrare la domanda e l’offerta, rendendo disponibili unità abitative in disuso o non funzionali. Grazie all’intercettazione di una vasta fetta di mercato, a cascata sarà generato un indotto con benefici economici, turistici e architettonici nei Comuni aderenti”.

Nebrodi Real Estate è un significativo passo avanti verso la valorizzazione del nostro territorio e dell’ottimizzazione del nostro patrimonio immobiliare – continua il Sindaco di Capri Leone. Il mio auspicio è che la rete di Comuni che abbiamo creato sui Nebrodi, sia riproducibile anche nelle altre province della nostra splendida Isola. Ecco perché sono disponibile al confronto e alla condivisione del know-how frutto dell’esperienza acquisita sul campo”.

“D’altronde, oltre a essere un Sindaco di un piccolo Comune dei Nebrodi, sono anche un Parlamentare regionale, motivo per cui sono disponibile a mettere in campo azioni legislative all’Ars che mirano a promuovere dal punto di vista normativo l’iniziativa, venendo incontro alle esigenze dei primi cittadini siciliani che ogni giorno si trovano in difficoltà con la gestione di immobili in disuso e per i quali non possono esercitare la piena potestà”.

Nei prossimi giorni seguirà anche una conferenza stampa, per esporre le risultanze dell’appuntamento di Londra, dal 3 al 5 Maggio, con l’evento A Place in the Sun. Per chiunque tra pubblico e privato fosse interessato a conoscere più nel dettaglio l’iniziativa, sul sito ufficiale dell’evento londinese è stata pubblicata in lingua inglese una sezione web dedicata al progetto, (https://www.aplaceinthesun.com/82915), aggiornata in tempo reale, con le proprietà immobiliari da promuovere. Nel caso specifico, sono già stati caricati esempi di best practice, ovvero di due immobili in disuso e adesso ristrutturati e fruibili.  Info e attività del progetto di Ospitalità Diffusa sono anche fruibili al link: https://www.nebrodialbergodiffuso.it

FONTE Mondonuovonews

Si rafforza l'impegno istituzionale per garantire e promuovere la formazione universitaria dei detenuti in Sicilia. È stato firmato, infatti, stamattina, a Palazzo d'Orleans, il rinnovo dell'accordo quadro per la realizzazione dei poli universitari penitenziari nell'Isola per il triennio 2024-2027. Istituiti negli atenei regionali già nel 2021, questi centri hanno l'obiettivo di garantire un percorso di istruzione e formazione ai detenuti e agli internati che vogliono conseguire un titolo universitario, favorendone la riabilitazione psico-sociale, con ricadute positive nell'affrontare il percorso di recupero.

A sottoscrivere l'intesa, il presidente della Regione, l'assessore all'Istruzione e alla formazione professionale, il Garante regionale dei diritti dei detenuti, il Provveditore dell'Amministrazione penitenziaria in Sicilia, i rettori delle Università di Palermo, Catania, Messina. Sarà perfezionata successivamente l'adesione all'accordo anche da parte della Kore di Enna.

Fondi più che triplicati, incremento del numero delle borse di dottorato regionali, che passano da circa 50 a 130 circa, regole più snelle e impulso alla collaborazione scientifica. La Regione, attraverso il dipartimento regionale dell’Istruzione, dell’università e del diritto allo studio, investe sull’alta specializzazione post-laurea potenziando le borse per i dottorati di ricerca negli atenei siciliani.

L’avviso, che utilizza risorse del programma Fse+ 2021-27, è stato illustrato nella sala conferenze dell’assessorato dell’Istruzione e formazione professionale, presenti l’assessore regionale e i rettori di Palermo, Catania, Messina, Kore di Enna e Lumsa di Palermo, oltre a enti e organismi di ricerca siciliani. Nello specifico, sono stati stanziati 12 milioni di euro; le borse sono state, anch’esse, quasi triplicate, ed è stato aumentato l’importo tramite il riconoscimento del budget annuale al dottorando.

Dall’assessorato anche l’incentivo concreto alla cooperazione virtuosa e trasversale tra le varie Università e altri soggetti della ricerca, aprendo la strada alle borse di studio (che dovranno toccare almeno la quota del 50 per cento di quelle finanziate complessivamente) da realizzarsi in collaborazione tra le Università e altri enti di ricerca vigilati dai ministeri, come il Cnr, o altri organismi di ricerca aventi sede operativa in Sicilia, mediante lo strumento del co-tutoraggio. Ancora, una linea di finanziamento peculiare è stata approntata per lo specifico sostegno ai corsi di dottorato di ricerca di interesse nazionale.

Il co-tutoraggio verrà attivato con riferimento alla singola borsa di dottorato sulla scorta di un accordo o convenzione tra Università ed ente o organismo di ricerca. Per ciascuna borsa regionale è previsto che il dottorando svolga un periodo di studi e ricerca all’estero tra 6 e 12 mesi.

L'assessorato alle Attività produttive della Regione Siciliana ha pubblicato l'avviso "Smau 2024" per selezionare micro, piccole e medie imprese e startup innovative interessate a partecipare all'evento che si svolgerà a Milano dal 29 al 30 ottobre 2024. La finalità è promuovere il settore siciliano dell’innovazione nei contesti nazionali e internazionali. Smau, infatti, è un’articolata piattaforma europea dedicata all’innovazione, che comprende anche il grande evento internazionale di settore che si svolge nel capoluogo lombardo.

Per le imprese siciliane rappresenta un'occasione per sviluppare relazioni commerciali, partnership industriali e finanziarie, progetti di open innovation e attività di co-innovazione con realtà nazionali ed estere.

L'avviso, che ha una dotazione finanziaria di 130 mila euro a valere sulle risorse dell’Azione 1.3.1 del Poc 14/20, prevede il sostegno a circa 20 imprese dell'Isola. Le aziende interessate, in possesso dei requisiti, potranno inviare la propria manifestazione di interesse alla partecipazione fino alla mezzanotte del 7 giugno 2024, secondo le modalità indicate nell’avviso, compilando il form di candidatura al seguente link: www.smau.it/candidatura-startup

Tutte le informazioni sono disponibili sul sito istituzionale della Regione a questo link.

Il governo siciliano ha trasmesso a Roma, lo scorso mercoledì 24 aprile, tutta la documentazione necessaria per ottenere la dichiarazione dello stato di emergenza nazionale per la siccità in Sicilia. Nel dossier, le soluzioni proposte dalla cabina di regia guidata dal presidente della Regione e coordinata dal capo della Protezione civile regionale per porre freno in tempi rapidi alla crisi dovuta alla mancanza di piogge. Il gruppo di lavoro, impegnato anche in questi giorni in continue riunioni, ha individuato gli interventi necessari, differenziati a seconda dei tempi di realizzazione. Tra quelli di rapida attuazione, l'acquisto di nuove autobotti per i comuni siciliani in crisi, la rigenerazione dei pozzi e delle sorgenti e il ripristino di quelli abbandonati, il potenziamento degli impianti di pompaggio e delle condotte esistenti, la realizzazione di nuove condotte di bypass. Per i prossimi mesi, invece, si sta valutando la ristrutturazione e il riavvio del dissalatore di Porto Empedocle, nell'Agrigentino, e di uno dei due tra quelli di Trapani e Gela (nel Nisseno), operazione che richiederà tempi e procedure di gara più lunghe. Nello stesso tempo, il dipartimento regionale di Protezione civile ha istituito nove tavoli tecnici presso il Genio civile dei capoluoghi di ogni provincia, con rappresentanti del dipartimento delle Acque, dei Consorzi di bonifica, e dell'Autorità di bacino. Ne sono scaturite numerose proposte di interventi urgenti, passate al vaglio della cabina di regia. Inoltre, diverse riunioni sono state svolte con Siciliacque, Aica Agrigento, Caltacque e Acque Enna. Si aspetta ora che il Consiglio dei ministri proceda con la dichiarazione dello stato di emergenza per la siccità, provvedimento atteso per la settimana prossima insieme allo stanziamento delle prime somme per gli interventi più urgenti.

Sebastiano Rampulla ( nella Foto) è il segretario provinciale della Democrazia Cristiana a Enna. L'elezione è avvenuta, questa mattina, durante il Congresso provinciale della DC, che si è svolto presso l'hotel Federico II. Presenti il segretario nazionale del partito, Totò Cuffaro; il segretario regionale, Stefano Cirillo; gli assessori regionali, Nuccia Albano e Andrea Messina; il capogruppo della DC all'Ars, Carmelo Pace; l'europarlamentare, Francesca Donato.
Al termine del Congresso, molto partecipato, sono stati eletti tutti gli organi della provincia di Enna: segretario Sebastiano Rampulla; presidente Stefania Fazzi; vice segretario vicario Ilenia Catania Cerro; vice segretario Giusy Ingrassia; vice presidente Deborah Bongiovanni; segretario organizzativo Davide Urzì; vice segretario organizzativo Filippo Faraci; vice segretario organizzativo Veronica Zaffora; segretario amministrativo Vincenzo Lanigra; vice segretario amministrativo Giuseppe Capizzi; vice segretario amministrativo Maria Concetta Arena; portavoce Agostino Vitale.
 

COMUNICATO STAMPA

Mancano oramai poche ore al primo congresso provinciale dell'era duemila del nostro partito. Un congresso politico è sempre un crocevia di idee, un palcoscenico dove si incontrano spesse volte visioni diverse per il futuro di una comunità . E' però un momento di confronto tra persone che hanno nella Democrazia Cristiana la comune passione del fare politica con l'animo rivolto al servizio verso la comunità. Nel corso delle scorse settimane il coordinamento provinciale provvisorio in concerto con i commissari comunali ha concordato la presentazione di un unica lista e scelto il nome del Segretario Provinciale che rappresenterà la DC per i prossimi anni . C'è molta attesa ! Siamo alla vigilia della imminente scadenza delle presentazioni delle liste per l'elezione Europee e la presenza del Segretario nazionale On Totò Cuffaro e dei vertici regionali del partito , fanno pensare che il Congresso di Enna potrebbe diventare il luogo, dal centro della Sicilia, dal quale partirà la prossima campagna elettorale. Ma sarà sopratutto l'occasione dei democristiani siciliani per stringersi attorno al proprio Segretario Nazionale , dopo gli attacchi feroci, personali, tutt'altro che politici subiti fino ad ora da parte di esponenti politici che forse mal digeriscono la presenza dei democristiani , la loro identità , il loro orgoglio e sopratutto ancora una volta liberi e forti.

COMUNICATO STAMPA
 
" Sabato scorso , i volontari di Protezione Civile della Fraternita di Misericordia “S.M. Kolbe” di Regalbuto sono stati presenti all’Esercitazione Regionale organizzata dal Dipartimento Regionale di Protezione Civile in collaborazione con la Direzione Regionale dei Vigili del Fuoco e il Comando Regionale del Corpo Forestale presso il Comune di Alcara Li Fusi.
L’oggetto è stato un’attenta attività di previsione, prevenzione e gestione delle emergenze connesse al rischio incendi per testare la capacità congiunta di contrasto alle emergenze in un territorio geograficamente particolare come i Nebrodi.
Dopo un briefing formativo, tutti i volontari insieme alle diverse forze dell’ordine si sono divisi in 7 squadre e, in un primo momento si sono spostati nell’Area Boschiva di Mangalaviti nel Comune di Longi (ME), per una simulazione di incendio boschivo; successivamente, hanno effettuato anche una simulazione di evacuazione di un’azienda agricola e zootecnica.
Formarsi è fondamentale per essere pronti a qualsiasi emergenza e, per questo motivo cerchiamo di dare il massimo ogni giorno!"  

 

Image
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale , ai sensi della legge n° 62 del 7/3/2001.