Sono 32.643 le domande arrivate alla piattaforma dell’Irfis per richiedere i contributi destinati a mitigare l’aumento dei tassi di interesse dei mutui per l’acquisto della prima casa. L'ammontare delle richieste raggiunge un totale di 54 milioni di euro, una cifra che supera la capienza della misura, pari a 50 milioni, che era stata definita dall’assessorato regionale all’Economia e votata dall’Ars, ma il governo Schifani è già al lavoro per trovare altre risorse e accogliere tutte le domande. 

«Il nostro governo ha colto nel segno e l'alta adesione delle famiglie siciliane al bando dell'Irfis ce lo conferma - dichiara il presidente della Regione Renato Schifani - Abbiamo deciso di andare incontro con un contributo economico concreto alle esigenze di decine di migliaia di siciliani, soprattutto a basso reddito, duramente colpiti dall'aumento considerevole degli interessi passivi dei mutui a tasso variabile sulla prima casa. La procedura messa in campo dall’Irfis, la nostra finanziaria, sta funzionando, come dimostra l'alto numero delle richieste caricate. Lavoreremo con impegno per concludere tutto l'iter in tempi brevi e garantire così la liquidazione delle somme a tutti coloro che ne hanno diritto».

«Quando abbiamo lanciato l’idea - dice l’assessore all’Economia Marco Falcone - in pochi credevano che la Regione potesse assumere efficacemente un ruolo da protagonista nella lotta al caro-mutui e, più in generale, al carovita. Oggi, alla scadenza dei termini del bando, possiamo invece affermare di aver raggiunto l’obiettivo: il bonus contro il caro-mutui ha funzionato e i cittadini hanno colto con convinzione e in gran numero l’opportunità di fruire del contributo stanziato dalla Regione, fino a tremila euro sul biennio 2022/23. La Sicilia ha fatto da apripista rispetto al resto d’Italia, ribaltando quell’idea per cui la nostra regione debba sempre stare in fondo alle classifiche. Grazie alla misura elaborata dall’assessorato all’Economia, con il supporto prezioso di Irfis, riassorbiamo quasi interamente il salato prezzo pagato dalle famiglie siciliane in maggiori interessi sui mutui. Siamo già al lavoro per reperire ulteriori dotazioni finanziarie che possano consentirci di recepire tutte le domande pervenute».

Per ottenere il contributo i richiedenti dovranno completare un altro passaggio: verrà stilata e pubblicata una graduatoria anonima in base al reddito Isee degli aventi diritto al contributo, quindi sarà richiesto di caricare i documenti necessari per il completamento della domanda. La procedura partirà sulla stessa piattaforma (https://incentivisicilia.irfis.it) che potrà accogliere le istanze a partire dal 5 marzo alle 12 e fino al 26 marzo alle 17, prolungando quindi il termine del 15 marzo che era stato fissato in precedenza.

In questa fase sono richiesti la copia della domanda firmata digitalmente o la copia della domanda scansionata in formato pdf sottoscritta con firma autografa e una copia di un documento di riconoscimento del richiedente. Secondo le previsioni degli uffici di Irfis FinSicilia, a maggio le somme saranno disponibili nei conti correnti dei richiedenti. Inoltre, a pena di decadenza, dovranno  essere caricati sulla piattaforma i documenti necessari per consentire a Irfis i controlli che saranno svolti dopo l’eventuale erogazione del contributo: la copia in formato pdf del contratto di finanziamento e degli eventuali atti aggiuntivi relativi al mutuo a tasso variabile per l’acquisto o costruzione della prima casa; la certificazione della banca mutuante idonea a comprovare l’importo degli interessi pagati nel 2022 e nel 2023; la copia in formato pdf del certificato Isee.

COMUNICATO STAMPA 

La mancanza di dialogo porta nel tempo a ritrovarsi senza prospettive, ma soprattutto ritrovarsi all’oscuro di determinate decisioni sbagliate prese nel tempo. Chi decide oggi non dialoga  con i sindacati pianificando prodotti e sevizi senza avere un quadro di riferimento indispensabile per valutare attentamente le proprie scelte. Si parla di Sindacato solo nel momento del bisogno a volte può essere troppo tardi, spesso abbiamo rimarcato la mancanza di comunicazione ma soprattutto l’organizzazione di un quadro sociale ed economico che non porti l’Ente nello stato attuale, oggi Enna ieri Agrigento e Siracusa domani sicuramente un’altra consorella siciliana. Oggi i lavoratori attendono con ansia gli stipendi per soddisfare le esigenze delle famiglie, siamo ha conoscenza che molti di loro hanno ricorso alle loro persone più vicine per comprare qualcosa da mangiare e pagare le bollette scadute  che arrivano puntualmente. Giorno 27 Febbraio siamo venuti a conoscenza  non ufficialmente di un incontro tra i vertici del consorzio di bonifica 6 di Enna e Sicilia Acque per evitare un Max pignoramento che affligge da tempo il Consorzio di Bonifica di Enna,pare che stiano trovando una soluzione comune, in questo contesto bisogna dare atto all’assessore Sammartino ed alcuni Onorevoli  che  stanno lavorando  per dare una risposta a coloro che attendono da mesi. Noi ci adopereremo in ogni sede per fare valere i nostri diritti e quelli dei lavoratori che oggi vivono di speranze e non di certezze. Un Ente che con le caratteristiche che si ritrova non dovrebbe mai ritrovarsi in questo stato di disagio, anzi dovrebbe essere un punto di riferimento per la  regione Sicilia.

 

Lo ha reso noto il presidente provinciale del partito, l’avvocato Nino Cammarata. “Istituiamo il circolo di Centuripe – afferma Cammarata– con l’adesione del sindaco Salvatore La Spina e dell’assessore Michele Seminara.Aderisce inoltre un gruppo di dirigenti locali guidati da Nicola Romano e FrancoSantoro, che sono figure storiche di riferimento della destra centuripina” . Queste le parole del sindaco La Spina: “In questi  poco più tre anni di sindacatura ho avuto il piacere di confrontarmi con una classe politica seria e attenta ai bisogni del territorio. Ecco perché la scelta di impegnarmi in prima persona e di dare il mio piccolo contributo per costruire, anche nella nostra provincia, un gruppo forte e coeso in grado di rispondere alle reali necessità di un’area interna fragile ma con grandi potenzialità da valorizzare”.

Torna a far discutere la decisione sulla chiusura della sede del Giudice di Pace a Regalbuto. 29 febbraio 2024 alle ore 18,30 presso la sala “Papa Paolo VI” si terrà un incontro dibattito avente a oggetto "chiusura Ufficio Giudice di Pace di Regalbuto". All'incontro organizzato dalla locale classe forense e da vari professionisti, interverranno la Dott.ssa Avv. Francesca Potenza - Giudice di Pace di Catania - e il Presidente del Consiglio dell'Ordine degli Avvocati di Enna.

Enna – Prosegue  l’impegno di Luisa Lantieri, vice presidente dell’Ars, per ripristinare i servizi dei tribunali di Nicosia e Mistretta.
Il deputato ennese ha presentato un emendamento al Presidente della Commissione Affari Istituzionali onorevole Ignazio Abbate, nella qualità di relatore del disegno di legge sul ripristino dei tribunali in Sicilia, chiedendo il ripristino dei tribunali di Nicosia e Mistretta.
Un disegno di legge che, di fatto, propone una nuova geografia giuridica siciliana.
“Nell’emendamento al disegno di legge del collega Abbate – evidenzia l’on. Lantieri – è stato tenuto conto di diversi elementi. Dalla popolazione dei comprensori, alla disponibilità dei locali, alle legittime richieste delle comunità coinvolte e ovviamente alla storia dei territori interessati.
Tutti parametri che sono stati ignorati quando si è deciso di dare un colpo di spugna indiscriminato ai tribunali siciliani, penalizzando di fatto migliaia di cittadini”.
Le disposizioni del disegno di legge non determineranno oneri aggiuntivi a carico dello Stato, poiché sarebbe la Regione ad assumersi i costi gestionali e dopo un’autorizzazione ministeriale, i tribunali potrebbero tornare ad essere finalmente operativi per gestire una parte delle attività e dei servizi prima erogati.
Tra l’altro, già ad inizio legislatura, fu proprio Luisa Lantieri a fare approvare all’Ars un emendamento per dotare le strutture di Nicosia e Mistretta delle somme necessarie per la loro gestione.

“Bisogna necessariamente ridare dignità a dei territori per troppo tempo trascurati e privati di un servizio fondamentale per le nostre comunità – conclude l’on. Lantieri - ci tengo a ringraziare i colleghi parlamentari che hanno sostenuto sin dall’inizio questo mio impegno ed in particolar modo il presidente Abbate estremamente sensibile ai bisogni delle comunità interessate”.

Maria Carmela Romano , già consigliere comunale a Regalbuto, candidata a Sindaco nello stesso Comune e candidata alle scorse elezioni regionali , è una dei tre Commissari , scelti  all’unanimità dal coordinamento provinciale dei comitati comunali  del movimento  di  Cateno De Luca , che avranno il compito di presentare in tutti i Comuni della provincia il progetto politico proposto da Sud Chiama Nord. La nomina di Maria Carmela Romano ,  presidente del comitato cittadino regalbutese di  Sud chiama Nord “ Per ripartire” è stata accolta positivamente negli ambienti politici e in particolr modo a Regalbuto, dove Maria Carmela svolge con assiduità il suo impegno in politica e nella vita sociale. “ Personalmente – ci dice Romano – sono felice della nomina e ringrazio sia il nostro leader Cateno De Luca che l’On Danilo Lo Giudice per la fiducia che hanno riposto nei miei confronti. Sarò attiva e sempre disponibile  in tutti i Comuni per  far conoscere il messaggio di fiducia verso la politica in generale e in particolare far conoscere il nostro progetto che mira allo sviluppo del territorio  che  soffre dei problemi legati allo spopolamento delle zone interne , la fuga dei giovani in cerca di lavoro , della situazione delle strade interne e della qualità della vita di ogni cittadino . Il commissario Maria Carmela Romano , sarà presente a Palermo per partecipare all’elezione del coordinatore e della segreteria regionale del partito , mentre giorno 1 e 2 marzo prossimi sarà a Taormina per partecipare al coordinamento nazionale. 

A ranghi completi la squadra , agli ordini di mister Millauro, si allenano in vista della prima , delle quattro gare decisive , per la conquista del quarto posto che darebbe diritto a Laura Valente e compagne il diritto di accedere tra le otto squadre che giocheranno la fase eliminatoria per la promozione in serie D. Prive dell'infortunata Daria Stancanelli , sabato prossimo a Piazza Armerina si giocherà la prima delle due trasferte alla ricerca di punti preziosi ,prima dell'incontro casalingo con il forte Sommatino. " Le prossime 4 settimane - ci dice capitan Erica Smirne Miletti - saranno estremamente decisive e noi teniamo tanto ad un traguardo che ci consentirà ottenere un risultato non sperato all'inizio del campionato. A poco a poco la squadra ha acquisito maggiore esperienza e consapevolezza che speriamo di saper mettere a frutto durante le prossime gare." 

La commissione Affari costituzionali del Senato ha bocciato l’emendamento che introduce il terzo mandato per i presidenti delle Regioni. A quanto si apprende mentre la commissione è ancora in corso, c’è stato il no di PD, M5S, AVS, FdI e FI; c’è stato il sì di Lega e Iv; non ha partecipato al voto Azione. Il risultato sono stati 4 a favore, 16 contro, 1 astenuto delle Autonomie.

Attivazione della misura della vendemmia verde, investimenti per le cantine e per la promozione sui mercati extraeuropei per rilanciare il comparto vitivinicolo siciliano. Sono alcune delle misure concordate nel corso della riunione del gruppo di lavoro della Sicilia del Vino, istituito nei mesi scorsi per la redazione del Piano vitivinicolo regionale, che si è tenuta ieri nei locali dell’Assessorato dell’agricoltura.

Un incontro per fare il punto sui bandi in procinto di essere pubblicati e sulle misure volte a proteggere e rilanciare il settore vitivinicolo dopo "l'annus horribilis" del 2023, caratterizzato da diverse criticità, dalla crisi economica alla "catastrofe" della peronospora passando per la siccità. Tutti fattori che stanno mettendo a dura prova anche la produzione del 2024.  

L’assessore all’agricoltura Luca Sammartino,  ha annunciato la pubblicazione del bando per i contributi per danni causati da peronospora 2023 previsti dalla Legge di stabilità 2024, con una dotazione finanziaria di 25 milioni di euro.

Prolungare la durata dei "diritti di impianto" e salvaguardare il vigneto Sicilia elemento paesaggistico fondamentale sottoposto all’aggressione della perdita di valore, del fotovoltaico e del cambiamento climatico. Sono le richieste che i rappresentanti della filiera vitivinicola hanno sottoposto all’assessore Sammartino affinchè le riporti in sede nazionale ed europea.

Sono pienamente operative le misure agevolative introdotte dalla Regione Siciliana in tema di tasse automobilistiche, ovvero lo sconto del 10 per cento sul bollo e il cosiddetto "straccia bollo" esteso fino al primo luglio 2024 per i contribuenti che intendono mettersi in regola con i pagamenti. A seguito di alcune segnalazioni su disfunzioni nell'accesso agli sgravi, l'assessorato regionale dell'Economia precisa che lo sconto è rivolto a coloro che non hanno annualità pregresse pendenti ed è ottenibile esclusivamente presentandosi agli sportelli Aci o in tutte le tabaccherie siciliane. In quest'ultimo caso bisogna richiedere, al momento del pagamento, l'utilizzo del codice di riduzione 54. Gli uffici postali, invece, non sono abilitati al pagamento in misura agevolata poiché Poste Italiane non ha aderito all'accordo predisposto dalla Regione.

Eventuali nuove segnalazioni su difficoltà nei pagamenti agli sportelli vanno indirizzate alla mail: dipartimento.finanze@certmail.regione.sicilia.it. Entrerà, invece, in vigore nelle prossime settimane l'ulteriore sconto per i contribuenti che volessero avvalersi della domiciliazione bancaria del bollo auto. È ancora in corso la definizione delle modalità attuative dell'agevolazione da parte degli istituti bancari.  

Image
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale , ai sensi della legge n° 62 del 7/3/2001.