Agrigento, Caltanissetta ed Enna . Sono i tre territori che a partire dal prossimo 6 Aprile si giocheranno l'accesso alle semifinali per la promozione in serie D di pallavolo. Le squadre : Limpiados Volley , C.S Athena , Aragona, e Vigata rappresenteranno il territorio di Agrigento, Polisportiva Armerina e Pallavolo  Regalbuto quello di Enna e Santa Barbara Sommatino e volley Gela il territorio di Caltanissetta . Le otto squadre  daranno vita , senza dubbio, a un torneo di prima divisione femminile che si preannuncia piuttosto avvincente per la qualità dei rispettivi team's che  fanno parte del Comitato Federale territoriale Fipav Akranis . C'è da ricordare che queste Società Sportive hanno superato la prima fase del campionato , classificandosi tra le prime quattro nei rispettivi gironi. La particolarità di questo campionato sta proprio nel fatto che a partecipare sono squadre che appratengono a terriitori diversi e se si considerano le partecipazioni ai campionati giovanili di Gangi e Castellana Sicula , i territori diventano quattro , la maggior parte dei quali ubicati nei territori del centro della Sicilia. Ma torniamo alla prima divisione. Le favorite ? E' d'obblico citare le formazioni del Volley Gela , Sommatino , Aragona , Vigata e Athena ma bisognerà tenere d'occhio Regalbuto , Piazza Armerina e Limpiados che hanno dimostrato di poter competere alla pari con le formazioni più attrezzate. Si disputeranno due partite secche di andata e ritorno con l'eventuale golden set, chi vincerà accederà alle semifinali dove soltanto due potranno accedere alla finalissima sapendo però che le due finaliste avranno già guadagnato la promozione in serie D.

Sarà possibile realizzare impianti sportivi anche in zona agricola.
"Lo ha stabilito il Consiglio di Giustizia Amministrativa confermando quanto l'Amministrazione Comunale di Modica, di cui allora ero Sindaco , aveva stabilito per favorire gli insediamenti sportivi sul territorio. Un ricorso al TAR di una struttura sportiva contro l'ampliamento di una struttura "concorrente" situata nelle vicinanze aveva di fatto bloccato questo provvedimento. Ieri la sentenza del CGA che ha apprezzato l’operato della  amministrazione, il cui obiettivo è sempre stato quello di favorire gli insediamenti destinati ad attività sportive anche in aree densamente abitate ma destinate a zona agricola e prive di insediamenti pubblici. Questa sentenza sarà destinata inevitabilmente a fare giurisprudenza in tutto il territorio siciliano. " Lo ha dichiarato l'On Ignazio Abbate (  DC) all'indomani della sentenza della Giustizia Amministrativa che ha dato ragione al Comune di Modica.

La rappresentativa maschile di Pallavolo parte con il piede giusto verso il " Trofeo dei Territori 2024" . Allenata da Carmelo Conti sono già in itinere le selezioni dalle quali uscirà il gruppo di ragazzi che rappresenteranno il Comitato Territoriale Akranis , ma che avranno il compito di rilanciare la pallavolo quale volano per raggiungere l'obiettivo che è stato programmato. Nel lungo periodo sono state già tracciate le linee guida per il lavoro di selezione, promozione e sviluppo tecnico e organizzativo della rappresentativa maschile, un settore , questo, che in quasi tutti i territori è in crisi. Carmelo Conti ha esperienza , è allenatore di lungo corso e ha idee chiare. " Sono sicuro - ci dice -che con le competenze e il tempo, che ognuno di noi dedicherà e metterà a disposizione, riusciremo a fare squadra per rilanciare la pallavolo maschile nel nostro territorio. " 

Utilizzare le risorse dei fondi POC per rispondere alla crisi che stanno vivendo le aziende agricole, immettendo liquidità nel comparto, tutelare il mercato da speculazioni determinate dall’ingresso di produzioni sotto costo provenienti da aree non soggette ai controlli stringenti per la tutela dei consumatori; bloccare la vendita o l’affitto indiscriminato dei terreni alle multinazionali che intendono sfruttare i campi per l’installazione di impianti fotovoltaici; calmierare il costo del gasolio agricolo e mantenere le agevolazioni; pianificare e mettere a sistema piani di rientro agevolati e duraturi per tutte quelle posizioni debitorie che oggi affliggono le aziende; pianificare ristori economici immediati per tutti gli agricoltori che stanno subendo perdite economiche a causa della siccità e dei costi di produzione elevati.
È quanto chiedono i deputati della Democrazia Cristiana, gli onorevoli Carmelo Pace, Ignazio Abbate, Fina Marchetta e l'esponente del gruppo misto On. Salvatore Giuffrida, al presidente della Regione Siciliana, Renato Schifani, e all'assessore all'Agricoltura, Luca Sammartino.
L'attuale situazione siciliana obbliga il governo regionale a porre nella massima considerazione le molteplici ragioni esposte
dagli agricoltori.
Il tema della siccità non deve più essere considerato un elemento straordinario, ma strutturale della crisi agricola, a causa della quale, soprattutto per la fatiscenza degli invasi e delle reti di distribuzione mai efficienti, necessita dell’apertura di un tavolo politico, prima che tecnico, dove venga delineata la strategia risolutiva e non un ennesimo elenco di criticità già note. Proprio per monitorare costantemente la situazione, chiediamo anche che settimanalmente il governo regionale riferisca in Aula ogni iniziativa operativa e strategica per affrontare e superare le problematiche di un comparto economico indispensabile per migliaia di famiglie.

Al via mercoledì 20 marzo, dalle 9.30 alle 17 a Villa Malfitano a Palermo, la presentazione del primo bando del Programma Interreg Next Italia -Tunisia, cofinanziato dall’Unione europea. L’iniziativa è organizzata dal dipartimento Programmazione della presidenza della Regione Siciliana (autorità di gestione del Programma Italia-Tunisia). Aprirà i lavori il presidente della Regione Siciliana, Renato Schifani. Parteciperanno: Mohamed Ali Mahjoub, console della Repubblica Tunisina a Palermo, Jacopo Martino, del ministero degli Affari esteri e della Cooperazione internazionale, Alessandro Mazzamati, del ministero dell’Economia, e Vincenzo Falgares dell’Autorità di gestione del Programma Interreg Next Italia-Tunisia.

L’iniziativa è rivolta soprattutto alle organizzazioni interessate alla presentazione di progetti e, in particolare, a enti pubblici, enti di diritto pubblico, organismi privati e ong con sede nel territorio siciliano. Sono previste due sessioni: una mattutina, dedicata alla presentazione del programma e del primo bando, e una pomeridiana, incentrata sulla progettazione e la costruzione delle istanze, con il supporto del team “Tesim” (assistenza tecnica programmi Interreg Next gestita dalla Dg Regio-Commissione Ue).

Per prendere parte all’incontro è necessario iscriversi al seguente link. L’Avviso 1/2024 ha una dotazione finanziaria di 22 milioni e 245 mila euro. Il bando prevede la presentazione di progetti di cooperazione transfrontaliera nell’ambito dei nove obiettivi specifici del Programma Italia-Tunisia, con particolare riferimento ai seguenti temi: energie rinnovabili, ambiente, salute, turismo sostenibile, migliore governance della cooperazione. Il contributo dell’Unione europea per ogni progetto va da un minimo di 800 mila a un massimo di 1 milione e 200 mila euro. La scadenza per l’invio delle istanze è fissata al 2 maggio prossimo. Per maggiori informazioni sull’avviso consultare il sito del Programma oppure inviare un’email a interreg.italietunisie@regione.sicilia.it.

Qualche giorno addietro, nella sala "Papa Paolo VI" a Regalbuto, si è tenuto un incontro dibattito sulla
chiusura della sede del Giudice di Pace organizzato dalla locale classe forense, hanno partecipato la Dott.ssa Avv. Francesca Potenza, Giudice di Pace di Catania, il Presidente del Consiglio dell'Ordine degli Avvocati di Enna oltre a diversi professionisti.
L'attuale Amministrazione, guidata dal Sindaco Longo, ha ritenuto di non dovere riproporre sul comune di Regalbuto la sede del Giudice di Pace. La motivazione è da ricercarsi, a loro dire, nei costi-benefici e al distacco di personale che sarebbe più necessario all'interno degli uffici comunali.
Fatta questa necessaria premessa, sottoponiamo alla vostra attenzione alcuni punti:
 sarebbe stato forse di buon senso ascoltare preventivamente la classe forense e i cittadini che
hanno necessità di rivolgersi a quest'ufficio;
 considerato che la riforma Cartabbia modificherà molto il lavoro del Giudice di Pace che
sicuramente moltiplicherà le sue attività e conseguentemente aumenteranno i cittadini che potranno usufruirne, non sarebbe stato il caso rimandare questa decisione avendo dati più aggiornati?
 Si è tenuto conto dei disagi a cui i nostri concittadini vanno incontro considerato che dovranno spostarsi in altro comune con mezzi propri o peggio e che gli avvocati, forza maggiore, dovendosi spostare in altra sede dovranno adeguare il loro tariffario e tutto ciò ricadrà sensibilmente sui regalbutesi?
 
Desideriamo ricordare, a noi stessi prioritariamente, che una amministrazione oculata e attenta ai fabbisogni dei propri cittadini deve porsi, tra i diversi compiti, quello dell'ascolto, in modo da cogliere i reali bisogni dei tanti, ma anche dei pochi e adoperarsi per trovare le soluzioni più idonee.
Alla luce di quanto detto, vista l'importanza della questione ed al fine di provare a mantenere un servizio importante per la cittadinanza, riteniamo di proporre all'Amministrazione e al Sig. Sindaco la possibilità di attivare un tavolo di confronto con tutte le parti coinvolte, sia direttamente che indirettamente, al fine di valutare con maggiore attenzione i pro e i contro della presenza nel nostro comune dell'Ufficio del Giudice di Pace.
Per quanto ci riguarda, come circolo di Fratelli d'Italia, anche se al di fuori dal Palazzo Comunale, ci rendiamo disponibili a dare il nostro contributo anche nelle sedi opportune, se fosse necessario, affinché questa problematica possa trovare soluzione.
 
Fratelli d'Italia
Circolo di Regalbuto
 
 
 
 

Mons. Schillaci Vescovo di Nicosia nomina il nuovo Presidente diocesano dell’Azione Cattolica Alfio Adornetto chiamato a servire l’associazione e la chiesa diocesana.
L’Azione Cattolica è la madre di tutte le associazioni, da 103 anni presente in diocesi, lavora a fianco dei pastori cercando di seguire le indicazioni del papa e dei vescovi.
Oggi papa Francesco ci esorta a prenderci cura della costruzione di un «noi sempre più grande».
 Pensando alla comunità e alle persone che la costituiscono nostro compito è quello di creare relazioni significative che ci permettano di aiutare le nostre parrocchie a essere volto della comunità credente nel territorio.
Prenderci cura di questo nostro tempo e della vita comune di tutti, attraversare le sfide che siamo chiamati a vivere cercando di leggerne insieme i segni e provare a dare risposte alle domante “giuste”. Chiamati a vivere la responsabilità come stile che ci rende più responsabili, vivendo pienamente in ogni ambiente di vita, rendendo viva un’associazione di persone che si prendono cura le une delle altre.

Le elezioni amministrative in Sicilia si svolgeranno l'8 e il 9 giugno, negli stessi giorni in cui si voterà per il rinnovo del Parlamento europeo. Lo ha deciso la giunta regionale nella seduta di oggi pomeriggio. In tutto sono 37 i Comuni che rinnoveranno i loro organi elettivi, 32 per scadenza naturale del mandato elettorale e 5 attualmente amministrati da commissari straordinari. Per quanto riguarda il sistema elettorale, 29 andranno al voto con il maggioritario e 8 con il proporzionale. Gli elettori chiamati alle urne per le Comunali sono in tutto 484.218. 

«È una scelta opportuna e di buon senso che - dice il presidente della Regione, Renato Schifani - abbiamo fortemente voluto. L'election day, infatti, ci permetterà di contenere notevolmente i costi evitando così di gravare ulteriormente sui bilanci dei Comuni. La nostra decisione va anche incontro ai cittadini che saranno agevolati nell'esercizio del voto». 

«La scelta di accorpare le elezioni amministrative alle Europee – sottolinea Andrea Messina, assessore regionali alle Autonomie locali – risponde a un duplice obiettivo: da un lato si riduce il disagio per i siciliani chiamati al voto, dall'altro si contiene la spesa. Una scelta ispirata al principio di economia e al buon senso, maturata proprio dall'ascolto quotidiano degli amministratori locali». 

L'unico capoluogo di provincia interessato da questa tornata elettorale è Caltanissetta; tra i comuni di maggiori dimensioni ci sono Gela, nel Nisseno,  Mazara del Vallo, nel Trapanese, e, per la provincia di Palermo, Bagheria e Monreale.

Le operazioni di voto si svolgeranno nelle giornate di sabato 8, dalle ore 14 alle 22, e di domenica 9, dalle 7 alle 23. L’eventuale turno di ballottaggio per le elezioni amministrative si terrà, come previsto dal Dl 7/2024, nelle giornate di domenica 23 giugno a partire dalle ore 7 e fino alle 23 e di lunedì 24 giugno dalle 7 alle 15.

Questo l'elenco dei Comuni al voto nelle varie province: 

In provincia di Agrigento si voterà in sei Comuni, tutti al di sotto dei 15 mila abitanti: Alessandria della Rocca, Caltabellotta, Campobello di Licata (commissariato), Naro, Racalmuto e Santa Elisabetta.

Nel Nisseno si voterà con il sistema proporzionale oltre che a Caltanissetta anche a Gela. Con il sistema maggioritario, invece, a Mazzarino.

Nella provincia di Catania l’unico dei quattro Comuni coinvolti che andrà alle urne con il sistema proporzionale è Aci Castello. Si voterà anche a Motta Sant’Anastasia, Ragalna e Zafferana Etnea.

I dieci Comuni del Messinese coinvolti dalla tornata elettorale sono tutti al di sotto dei 15 mila abitanti Brolo, Condrò, Falcone (commissariato), Forza D’Agrò, Leni, Longi, Mandanici, Oliveri, Rometta e Spadafora.

In provincia di Palermo si voterà per il rinnovo di nove amministrazioni: con il proporzionale a Bagheria e Monreale, mentre con il maggioritario a Bompietro, Borgetto, Corleone, Palazzo Adriano, Roccamena, Cinisi e San Mauro Castelverde. Gli ultimi due attualmente attualmente amministrati da commissari straordinari. 

 

Nel Siracusano si voterà solo a Pachino, attualmente commissariato, con sistema proporzionale. 

 

In provincia di Trapani i Comuni al di sopra dei 15 mila abitanti coinvolti saranno Castelvetrano e Mazara del Vallo. Si voterà col maggioritario a Salaparuta e Salemi.

 

La festa della donna rappresenta un'importante occasione per riflettere sull'evoluzione del ruolo delle donne nella società e per celebrare i progressi compiuti nel raggiungimento della parità di genere. È un momento per onorare le donne che hanno sfidato norme sociali e culturali per contribuire al progresso e al benessere della società, nonché per riconoscere il loro impatto e la loro leadership in tutti i settori, dall'economia alla politica, dalla scienza alla cultura.

Tuttavia, mentre celebriamo i successi delle donne, è importante anche riconoscere le sfide e le discriminazioni che ancora affrontano. La festa della donna ci ricorda che la lotta per la parità di genere è ancora lungi dall'essere conclusa e che dobbiamo continuare a lavorare insieme per superare gli ostacoli che ancora persistono. Questi includono disparità salariali, discriminazioni sul luogo di lavoro, violenza di genere, accesso limitato all'istruzione e ai servizi sanitari riproduttivi, e molto altro.

La festa della donna è anche un momento per riflettere sulle molteplici esperienze delle donne in tutto il mondo. Ogni donna ha una storia unica da raccontare, caratterizzata da sfide, trionfi, speranze e sogni. È importante riconoscere la diversità delle esperienze femminili e impegnarsi per creare un mondo in cui tutte le donne possano realizzare il loro pieno potenziale senza essere limitate da stereotipi di genere o discriminazioni.

Inoltre, la festa della donna ci invita a rinnovare il nostro impegno nel promuovere l'empowerment delle donne e nel sostenere la loro partecipazione attiva e la loro leadership in tutti gli ambiti della società. Ciò significa creare un ambiente in cui le donne possano avere accesso alle stesse opportunità degli uomini e possano essere supportate nel perseguire i propri obiettivi personali e professionali.

In sintesi, la festa della donna è molto più di una semplice celebrazione. È un momento per riflettere, riconoscere e celebrare il contributo delle donne alla società, così come per rinnovare il nostro impegno nella lotta per una parità di genere reale ed equa.

La storia delle donne è stata spesso oscurata o minimizzata nei racconti tradizionali, ma negli ultimi decenni è emersa una maggiore consapevolezza e un maggiore interesse nel dare voce alle esperienze femminili nel corso della storia. Le donne hanno giocato ruoli cruciali in molti eventi storici e hanno contribuito significativamente allo sviluppo della società, della cultura, della politica e della scienza.

Dalle prime pioniere che hanno lottato per i diritti delle donne, come le suffragette che hanno combattuto per il diritto di voto, alle leader politiche, agli attivisti per i diritti civili, alle scienziate, alle artiste e alle figure culturali che hanno lasciato un'impronta indelebile nella storia, le donne hanno costantemente affrontato sfide e discriminazioni per raggiungere il riconoscimento e l'uguaglianza.

Le donne hanno giocato ruoli significativi anche durante periodi di conflitto e cambiamento sociale, contribuendo alla resistenza, alla costruzione della pace e alla promozione dei diritti umani. Tuttavia, spesso le loro storie sono state ignorate o marginalizzate, e molte donne sono state costrette a operare nei margini della società a causa delle restrizioni imposte dal patriarcato e dalle norme di genere prevalenti.

Negli ultimi anni, c'è stato un crescente interesse nel recuperare e valorizzare la storia delle donne, attraverso la ricerca accademica, la narrazione storica inclusiva e l'attivismo. Questo ha portato alla scoperta di storie straordinarie di donne che hanno influenzato profondamente il corso della storia, ma che sono state spesso trascurate nei libri di testo e nelle narrazioni dominanti.

Inoltre, c'è stata una maggiore attenzione alla diversità delle esperienze femminili, includendo le storie delle donne di colore, delle donne LGBTQ+, delle donne con disabilità e di altre comunità marginalizzate. Questo approccio inclusivo ha contribuito a fornire una visione più completa e accurata della storia delle donne e a riconoscere il loro ruolo essenziale nella costruzione del mondo in cui viviamo oggi.

Oggi, c'è un crescente impegno nel continuare a valorizzare e preservare la storia delle donne, così come nel promuovere l'uguaglianza di genere e nel garantire che le voci e le esperienze delle donne siano pienamente rappresentate e celebrate nella narrazione storica e nella società in generale.

Di rilevante importanza e ad oggi ricca di significato è la data dell’8 Marzo, abitualmente intesa come la Festa della Donna - più correttamente giornata internazionale - per celebrare le lotte e le conquiste sociali. Ebbene la riflessione è quanto mai opportuna in questo giorno, per ben comprendere quale sia la reale rilevanza di cui gode la donna in tutti gli aspetti della nostra società.
A tal proposito, proprio in questo giorno, l’istituto tecnico Salvatore Citelli di Regalbuto ha organizzato un momento di confronto e dialogo, permettendo ai giovani studenti di interrogarsi sull’argomento e poter esporre i propri pareri durante l’Assemblea. A questo evento, che avrà luogo presso l’Aula all’aperto dell’istituto, parteciperanno la Dott.ssa Catalano, l’Ing. Simona Infantolino, il Professore Agostino Vitale e l’Associazione Pro Loco di Regalbuto. L’obbiettivo è quello di creare un momento di riflessione attenzionando l’importanza della donna nel mondo del lavoro, con le esperienze riportate dagli ospiti sia nel settore pubblico che privato. Una presa di consapevolezza per avvalorare i cambiamenti, l'importanza e le opportunità, di cui meritano le nostre Donne.

Image
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale , ai sensi della legge n° 62 del 7/3/2001.